Diario dalla periferia dell’impero. Il colore viola.


Il cinquedicembre tutti in piazza a fare il noberlusconidèi. Tutti viola, dai andiamo, siamo il popolo dei bloggher, siamo il popolo degli internauti, siamo il popolo di féisbuc, siamo il popolo dei viola, presto andiamo tutti a fare la manifestazione per protestare e far sentire la nostra voce e mandare a casa questo branco di corrottimafiosiassassinidisonesti.

In piazza miliardi di persone in una roma fredda. I partiti presenti un po’ defilati. Da una parte. Mi si nota di più se vengo e mi metto da una parte o se non vengo proprio? Allora ci vediamo lì. No non vengo ciao.

Vedi quelli che hai sempre visto alle manifestazioni da quando avevi quattordici anni e ti mettevi la kefiah nei primi novanta.

Hanno scelto il viola perché l’artri colori erano tutti già presi. Io contento perché a me pe ‘na vita m’hanno detto che ero frocio perché me piace er viola e mo sei obbligato a vestirti di viola che fa tanto sinistra, però sinistra nuova. Quella degli internauti.

Allora vai de sciarpetta viola che mi ha regalato ignara la mia amica Juncia salutandomi in Messico e dicendomi torna presto a casa. E io, vedrai che torno che l’Italia è nammerda.

Dunque facce note. Espressioni note. Solo con più anni addosso. E meno voce per gridare “Berlusconipezzodimmerda!”

E poi i punkabbestia con la birra moretti il cane e le micce d’erba accese perennemente anche sotto la pioggia. E i fricchettoni odiosi e sorridenti della murga, che francamente è da quando è nata che ha rotto il cazzo. E i compagni del sud logorroici, prolissi e noiosissimi, e Vecchioni che canta De Gregori.

Però la novità assoluta sono sti famosi internauti. Sono gli stronzetti che hanno organizzato la manifestazione. Sono gli snobbetti che quando noi ci pigliavamo le sveglie, i fumogeni, le manganellate, le denunce, le pallottole, gli insulti, quando noi andavamo a dire a tutti che era tutto sbagliato, che bisognava prendere le piazze, che bisognava ripensare all’idea di sviluppo, di economia, di partecipazione politica, ci dicevano che eravamo dei facinorosi. Erano quelli che andavano a dire, con le loro camicie coi colletti a tre bottoni e i loro accenti milanesi, calabresi, saputelli, che noi eravamo degli estremisti, e come sai gli estremi si toccano.

Che noi no non andiamo a manifestare perché noi le nostre opinioni le esprimiamo con il voto. Che interessarsi del delirio mediatico di massa di questo psiconano del cazzo era robba da communisti. Erano quelli che a vent’anni ti dicevano che la riforma dell’università era giusta, che bisognava lavorare, che in fondo gli anni ottanta sono stati divertentissimiecoloratissimi.

Insomma tutti questi stronzi, che hanno fatto pippa e remato contro e detto che la polizia difende l’ordine pubblico e che carlo giuliani era un violento blècblòc erano in piazza a manifestare vestiti col mio colore preferito a gridare berlusconivàttene a entusiasmarsi per le stronze canzoni di Vecchioni e a definirsi il popolo più bello e colorato e divertente e la migliore manifestazione popolare degli ultimi centocinquantanni.

Ora. Io mi costringo. Ci provo a dire che meglio tardi che mai. Ci provo a pensare che alla buon’ora. Ci provo a vedere quei sessantenni moderati come dei nuovi compagni di viaggio. A cercare di non pensare alla loro vita moderata e fintatonta che ci ha tagliato le palle, il futuro, il presente, le speranze e ha consentito il dilagare di questa banda di figli di puttana e di questa rovina della politica.

Ci provo davvero forte.

Però alla fine mi rimane un’acidità di stomaco. Mi viene su un rigurgito. Tipico della sinistra radicale. Che ha sempre qualcosa da ridire, che non le va mai bene niente. Che è sempre un po’ autolesionista.

Io sta manifestazione non la sento mia. Arriva molto tardi. Troppo tardi. Troppo gioiosa. Troppo dimentica di tutta la fatica che abbiamo fatto per venire comunque spazzati via.

Berlusconi ha stravinto da molto prima di adesso. Che forse cadrà. Di nuovo grazie alla mafia. Non grazie a voi e al vostro viola. Bellissimo viola.

non è Noi, cari Compagni. Ah già, voi non siete i compagni perché compagno è antico. Voi cosa siete? Dove siete ora? A pagare le rate della vostra rovina, illusi di avere fatto la storia?

Amareggiato preferirei passare delle ore ad accarezzare le corna di Vittorio. Non mi sei mai mancato tanto.

7 Risposte

  1. […] Diario dalla periferia dell’impero. Il colore viola. […]

  2. io ti dico solo una cosa:cane di mustafà

  3. tu hai i mezzi per capire

  4. errore…
    cadra’ grazie a fini, (o forse bisognerebbe dire montezemolo-chiesa-casini-d’alema e altri poteri forti che se so’ rotti er cazzo de sto nano che ce fa fa’ brutta figura e nuoce al medinitali!)
    ma mica sarai tornato in Italia apposta??!!

  5. viola = rosso + azzurro

    meditiamo. Io ho un po’ paura.
    E anche maldipancia, ma credo che Montezuma stavolta non c’entri.

  6. condivido…questa manifestazione era assolutamente inutile..

  7. condivido eccome. e poi che era libera e indipendente non ci credo proprio…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 25 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: