diario da Città del Messico. dia de muertos


jesus malverdeDomani è il due novembre. Il giorno dei morti. Qua invece si chiama dia de muertos. Che poi tradotto è giorno dei morti.
È una festa importantissima. Popolare. In ogni parte della città si armano altari per celebrare i morti e la morte stessa, e ricordare che pure per i vivi è solo questione di tempo. E allora daje coll’addobbi floreali, offerte in frutta, dolci, sacrifici umani e vestiti da strega.

Mi reco a fare spese al famoso mercato di Sonora con un gruppetto di amici, per andare a fare un bagno di popolo. Il mercato è famoso se uno vuole comprare qualsiasi cosa riguardi da vicino o da lontano la brujeria, la stregoneria, questo è proprio il posto giusto. Io volevo comprare una gallina nera da sgozzare su un altare tra incensi in onore della santa morte, giusto per ricevere in cambio un po’ di fortuna, di denaro e di amore. Le solite cose.

Vago per i meandri del mercato che scoppia di gente. Intere famiglie che vengono a fare le ultime spese prima della festa, a comprare gli ultimi costumi, i dolci, le candele.

Mi fermo in un banco di filtri e pozioni. La padrona mi accoglie con un grande sorriso. Ti preparo un filtro d’amore? un amuleto? un olio miracoloso?

Grazie, guardi, avrei bisogno di un amuleto. Sa, per avere fortuna, soldi, amore. Sì ho proprio quello che fa per te. Devi solo scrivermi il tuo nome su un foglietto. Mi dici la tua data di nascita. Poi ti faccio un bell’amuleto e vedrai che ti cambia la vita.

Io eseguo. È così cordiale che manco mi sembra una bruja. La osservo mettere denti, pietruzze, pezzi di pelo di giaguaro, polveri, legnetti e altre diavolerie dentro una saccoccetta gialla. poi la chiude. Me la devo portare sempre in giro. Poi se si dovesse rompere o rovinare la devo bruciare. E tornare da lei.

Le allungo i 100 pesos e già mi sento più fortunato. Già ho l’impressione che pioveranno sulla mia vita migliaia di soldi. Già percepisco un cambiamento nel mio sex appeal. È come se tutte le donne desiderassero ardentemente possedermi carnalmente. E amarmi. Cazzo se funziona sto amuleto.

A fine giornata sono spossato e felice per aver dato una svolta radicale alla mia vita. In più la signora bruja mi ha regalato un porta chiavi con due immagini di santi. La vergine di Guadalupe è una. e dietro all’immagine un pezzetto di pelliccetta di qualche strano animale sintetico. L’altra immagine è Jesus Malverde. Jesus Malverde è un santo dei narcos. Una spece di Robin Hood narcotrafficante, mi spiega la bruja, che rubava un botto ai ricchi per darne un po’ ai poveri. E poi i poveri l’hanno voluto come santo. Con questi santini sarò superpotente e nessuno potrà farmi del male.

Cazzo, praticamente sono superinvincibile. Mi manca solo invisibilità e volare e spacco davvero il culo a chiunque.

Vittorio percepisce la mia potenza e intimorito si chiude da solo nell’armadio. Io intanto preparo l’altare su cui sacrificarlo alla santa muerte, visto che non sono riuscito a trovare la gallina nera.

 

2 Risposte

  1. Vedo che sei compagno di dis-avventure messicane e italiane. Abbiamo molti link emotivi e digitali con l’Italia e il Messico. Io son qui all’UNAM, ricercatore post-doc e anche all’Istituto Italiano. Speriamo di incrociarci, un saluto!

    • ciao alessandro. e io so che non sei venuto a casa della vale a vedere uno spettacolo. shame on you! ci vediamo in giro.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: