Diario da Città del Messico. Una breve parentesi.


Uno si alza e legge Repubblica. Alle volte. Così, per vedere un po’ che si dice. A pagina 40 una doppia dal titolo “Bollito: i nuovi tecno trucchi del vero slow food”, una imprescindibile disamina sul bollito in tutte le sue forme e varianti. Segue a pagina 42 una doppia decisamente di più alto profilo: “Piumini” le tendenze dell’inverno.
Questo accadeva ieri. Oggi invece si può apprezzare in prima pagina l’accorata lettera de Pier Luigi Celli, che manifesta il suo dolore e la sua amarezza verso il futuro dei giovani italiani, e consiglia suo figlio di andarsene dall’Italia, però a malincuore.

Pier Luigi Celli, ha proprio ragione, cazzo. Uno come lui, che è direttore generale della Luiss, lo è stato della Rai, consigli d’amministrazione vari, Eni, Enel, Unicredit, Wind, se uno così dice al figlio che se ne deve sfanculare, perché l’Italia è un paese dove il merito e i sani valori non sono premiati, bisogna crederci.

All’inizio ho reagito in maniera scomposta a questa lettera. E al fatto che un giornale come Repubblica avesse la faccia tosta di pubblicarla in prima pagina. Perché, mi dicevo, è offensivo, è ridicolo, è grottesco che uno così, che ha contribuito e contribuisce allo schifo di questo paese di merda, dove grazie a dio non vivo più, venga anche a dare lezioni e a piagnucolare, in faccia ai milioni di stronzi che non sono direttori della Luiss (dai calabresi che la frequentano anche conosciuta come Liuiss, perché pensano che sia inglese, come Lewis) e che non possono garantire al figlio di andare a studiare ad Harvard.

Poi però ho sinceramente apprezzato la preoccupazione di un padre, che vede un giovane figlio costretto a confrontarsi con un paese mafioso e marcio grazie anche a quelli come lui e preferisce farlo essere vincente all’estero. Prima sfascio tutto, cago sul tavolo, stupro, divento re, ammazzo e nascondo, e poi invece di pulire, dico a mio figlio, fai na cosa, vattene all’estero che qua è na monnezza, lasciamola agli stronzi. Perché la lettera è estremamente cinica. Non dice mi dispiace. Non è diretta ai figli degli italiani. No. è diretta proprio solo a suo figlio. E denigra gli altri. Dice, figlio, ti dico pubblicamente che qua è una merda grazie a papà tuo e ai colleghi e amici de papà tuo. Per cui TU alza il culo e vai a studiare alle università fighette americane, mica come la merda che dirigo io, che costa un pacco di soldi e ti assicura solo di socializzare coi calabresi.

È una lettera onesta. Realista.

Quindi tra un “percorso dei risotti” e uno “speciale scarpe” le pagine di Repubblica offrono esempi di grande giornalismo e analisi sociale. Sono proprio felice di essere incappato in questa lettera che mi ha chiarito, una volta di più e se ce ne dovesse ancora essere bisogno, i motivi del mio espatrio. Magari Mattia Celli, il giovane virgulto, verrà da ste parti, dije de venì qua, Pier Luigi, che lo accudisco io il tuo pupo.

Il toro già si liscia le corna.

5 Risposte

  1. invito tutti anche a leggere questo: http://www.giornalettismo.com/archives/43288/caro-papa-perche-non-te-ne-vai-tu-la-risposta-di-un-precario-a-celli/ .
    besos.
    R.S.

  2. Federico ciao, che storia che ti chiami come mio figlio…bene ho letto tutta di un fiato la tua “analisi” sulla lettera di papi e la stima per Re-pubblica, ti invio un link, intitolato Lavoro nero? Grazie Blob.
    Nel primo rigo, c’è un video e ci sono pure io alla fine, che dico la mia alla manifestazione su Re-pubblica. L’ho scritto solo lì , perchè mi vergognavo un po’ di farlo girare. Fede, quello di casa mia, mi disse: mamma sei su Blob…poi mi sono ri-trovata. Quel giorno non le ho cantate solo tra i “neri” ma anche al nero vicino a franceschini ma questa è un’ altra storia, e te la racconterò presto, perchè nessuno dei due l’ha raccontata all’Italia. Sei quì per Natale? Da mamma tua papi tuo e dagli amici? ti aspettiamo. in ogni caso tira avanti bene come leggo e un abbraccio grande, oceanico.
    http://www.reset-italia.net/2009/10/28/lavoro-nero-grazie-blob/

  3. altro che celli:

    http://www.chiarelettere.it/dettaglio/66138/la_cura_ainis

    http://www.resetradio.net/2009/09/la-cura-di-michele-ainis-per-reset-libri/

    http://www.perunaltracitta.org/index.php?option=com_content&view=article&id=1248:benedetta-tobagi-risponde-a-pier-luigi-celli&catid=108:lavoro&Itemid=79

    Daniele

  4. […] che segue è l’articolo di Federico Mastrogiovanni, da Città del Messico sul serio, con il suo blog . Leggendo Repubblica, […]

  5. Peste suina, stato d’emergenza negli Usa Fazio: “L’Italia è pronta, nessun rischio”…Niente messa a Città del Messico
    La notizia è del 26 aprile 2009…
    non entro in dettagli ulteriori.Ma in questo capitoletto religioso, si, Satira pura.
    Andatevi a vedere le foto…

    L’arcivescovado della capitale ha annunciato la sospensione a partire da questa domenica, e fino a nuovo ordine, di tutte le messe in programma nella capitale, a causa dell’influenza da suini che ha colpito il Paese. “Sono sospese tutte le messe fino a nuova comunicazione” in tutte le parrocchie della città, ha reso noto il responsabile dell’area radio e tv dell’arcivescovado di Città del Messico, Josè de Jesus Aguilar, precisando che la decisione è stata presa in accordo tra la Chiesa cattolica locale e il ministero della Sanità. La misura non implica la chiusura delle chiese per quei fedeli che intendano recarvisi per pregare. Per la messa – è stato precisato – dovranno accontentarsi di seguire via radio le celebrazioni trasmesse da altre zone del paese o dall’ estero. Fino a qualche ora fa, la Chiesa aveva negato di voler sospendere le messe in programma nella giornata di oggi, limitandosi a raccomandare ai fedeli a recarsi in chiesa con le mascherine per coprire bocca e naso.
    http://www.ilgiornale.it/esteri/peste_suina_stato_demergenza_usa_fazio_litalia_e_pronta_nessun_rischio/nuova_zelanda-contagiati-suina-messico-contagio-dna-cina-ue-francia-virus/26-04-2009/articolo-id=346744-page=0-comments=1

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: