diario dalla repubblica sandinista del Nicaragua

bienvenidos a Honduras
bienvenidos a Honduras

Dalla frontiera ho scritto poco. È che la connessione già di per sé da ste parti è una ciofeca, come si diceva a Roma negli anni ’80, là su poi era a pedali. Ma ci sono diverse altre cose da dire su quell’eroe di Zelaya.

Una bella gag è la sua assistente, la sera di giovedì, quando siamo arrivati tutti in carovana a Estelí, a 150 km dalla frontiera.

Situazione: schiera di giornalisti, fotografi, cameramen stanchi morti ma pronti a scattare come un sol’uomo alla prossima avvisaglia di rueda de presna. Esce la povera Betty, con la faccia nel culo, come dicono i francesi, sfatta dalla schiera di panzoni che accompagnano grugnendo (letteralmente) il legittimo presidente. Fa la funzionaria dell’ambasciata e fa da segretaria al baffone, e prende i nostri nomi per le domande da fare al presidente.

Alla fine stremata afferma: “e vi prego, qualcuno di voi gli può chiedere cosa ha intenzione di fare domani per favore, che io non l’ho capito? vi dispiace?” Purtroppo nemmeno di fronte alla miseria umana della povera Betty siamo riusciti a mantenere un contegno. Un coro di risate de còre. Un attimo di consapevolezza che stamo tutti a giocà in fondo. Daje co le pacche sulle spalle.

Come giocava quell’altro pischello che hanno trovato crepato la mattina di sabato. Pedro. Misteriosamente ammazzato dalle parti di El Paraiso, a qualche chilometro dalla frontiera, lato Honduras. La bocca spalancata in un ghigno orrendo, gli occhi aperti e sorpresi. Buttato in mezzo all’erba. Anche lui un ragazzino, 22 anni aveva Pedro, mortacci sua. Ma tanto sticazzi. È una guerra o no? E Mel è il comandante baffuto che grida al suo popolo “Armiamoci e partite!”

Dice che però c’ha tanto carisma. A me me pare che l’ha lasciato da qualche parte sto carisma. Invece s’è portato appresso parecchia logorrea populista, oltre alla collezione di sombreri.

Ma comunque veramente basta parlare di questo genio militare. Ora sono di nuovo a Managua, pronto a spiccare il volo verso il Messico.

E qua a Managua, come dice il mio amico fricchettone che gira per il centroamerica “in viaggio” carico di amore per i popoli oppressi, me ne dormo in un hotel coll’aria condizionata.

E rido dei commenti de quelli militanti. I militanti co la bandiera sugli occhi. Di quelle bandiere che te porti da casa. E pure quando vedi l’evidenza ti dici, no cazzo non è vero. te dici, no la rivoluzione sandinista è da paura! Perché te caghi addosso a pensare che, porca troia, te sei sbagliato fino a mo. O semplicemente che avevi bisogno di credere in un’idea, ma in verità era solo un’idea e non era vero un cazzo nella vita dei poracci che quell’idea se la devono accollare tutti i giorni, e che quell’idea la pagano pure per te.

Ma non c’è niente di male in verità. Ho capito questo, che l’idea non muore nel fallimento della realtà. L’idea rimane bella e viva. Se uno crede nei valori sandinisti ci crede pure quando vede i vermi che mangiano questo paese e dicono di essere sandinisti.

Sto a diventà patetico e cattedratico, per cui mi ricaccio nel mio strato basso dove sto più a mio agio.

Accendo la tivvù e c’è una telenovelas messicana. La misura di quanto sto posto è finito la dà il fatto che qua il Messico è considerato tipo l’Italia per gli albanesi negli anni novanta. Cioè un Nica davvero pensa che il Messico è un posto fenomenale guardando alla tivvù messicana le saghe familiari dei vari FlorianoAlberto Saltapicchio Ortega. Poi lo stesso nica magari si lancia a attraversare mezzo centroamerica per finire sparato sul muro alla frontiera con gli Stati Uniti.

E l’Italia, come il Messico, so tutta scena pe l’albanesi. So postacci.

Sono finito nell’Albania degli anni novanta. Me pareva un ambiente familiare.

Pièsse. oggi ho ricevuto il commento più bello da quando ho aperto il blog. Lo riporto perché mi ha riempito il mio stupido cuore di riso e gioia. Dice così: “Ao’ !…
nun resisto, me fai taja’…
uno che scrive come te ( a sto livello de sincerita’ ) nun l’avevo ancora trovato in giro…”

Daje Bubu.

Annunci

diario dalla frontiera tra repubbliche bananere

Recate
Recarte

Oggi è domenica. Giovedì è partita la carovana del tonto, come la chiama un amico. Ma i tonti siamo noi. Accompagnamo Mel Zelaya a fare il suo show alla frontiera con l’Honduras. Col suo cappellone e il megafono ora si presenta ogni giorno alla stampa internazionale continuando a gridare al mondo che lui è il paladino della democrazia nel mondo. Lui. E grida “quien dijo miedo?? Quien dijo miedo?” che da noi si direbbe chi ha detto paura!? ma lo grida nascondendosi dietro ai camion immobili che aspettano da tre giorni di passare quella frontiera. Si nasconde perché non ha paura di niente, ok ma dice che comunque non si sa mai.
Dice un comandante della polizia Nica in pensione che a Mel gli manca una cosa fondamentale, “i coglioni”! Poteva benissimo passare la frontiera, dice il vecchio sbirro sandinista, se avesse avuto le palle, ma pare che ai catrachos gli manchino le palle. Ma queste sono considerazioni campaniliste tra centroamericani.
Quallo che è vero è che molti supporters di Mel che si sono sparati dodici ore di foresta, inseguiti dai cani dell’esercito, per arrivare qua a gridare “Viva Mel”, adesso lo vedono fare il buffone e a loro sì che cominciano a girare le palle (quindi verrebbe meno la teoria del comandante sandinista sui catrachos, che è come si dice hondureños). Sto tira e molla è per mantenere la gente barzotta, ma si sa che se uno sta barzotto troppo a lungo poi je rode. È esattamente quello che succede qua.
Io comunque continuo a farmi nuovi amici e a mangiare gallo pinto. E stasera torno alla civiltà: a Managua. Per il Messico manca ancora un po’.
Il migliore di questi giorni comunque rimane il colonnello Recarte, quello che ha dato la mano a Mel. Ha una faccia buffa, non sembra il solito figlio di puttana militare. Cioè sicuramente lo è, ma almeno fa ridere.
È quello che quando gli abbiamo chiesto scusi tenentecolonnello, abbiamo saputo che ci sono stati morti tra i sostenitori di Zelaya in Honduras, lui ha risposto pacifico con la faccia da bamboccione, io non ne so niente, si dicono tante cose… dicevano che nel 2000 sarebbe finito il mondo, e invece alla fine siamo ancora tutti qua.
Sul serio credo che la comicità innata e involontaria di questa gente sia da ascriversi all’alimentazione. O al caldo umido. Dovrebbero riuscire a sfruttare questo essere dei buffoni e smetterla di cercare di essere seri. Ma chi te crede? Dai! Ma te pensi che messo a fianco a un danese qualcuno di voi ha la minima speranza di non sembrare un pagliaccio?
Mo vado che Mel ha deciso di fa la conferenza stampa numero unmilionequattrocentomilasessanta. Non me la voglio proprio perdere!

diario dalla Repubblica Sandinista del Nicaragua

gigantona FSLN

gigantona FSLN

 Se devi andare in un posto a Managua non ci sono indirizzi. Vai dal tassista e gli dici, dove stava il cinema Colon, tre cuadras verso il lago, mezza abajo, e due al sud. E lui capisce. 

Siccome dal 72, anno del terremoto che ha sbragato la città, non si è ricostruito più niente, non ci sono molti punti di riferimento. Quindi magari il cinema Colon non c’è più da 20 anni. Ma è un punto di riferimento ideale. Se lo inventano. Il lago è per dire nord. Dove sta il lago. abajo e arriba è est e ovest. E davvero questo non so perché.

La gente però arriva nei posti. Questo sì. Ma a casaccio.

Il 19 luglio tanta gente è andata in un posto. A festeggiare 30 anni della rivoluzione sandinista. Emozionante. Decine di migliaia di anime con le bandiere rosse e nere dei sandinisti. Peccato che sul palco c’era il peggio della politica nicaraguense. 

Daniel Ortega è un uomo fosco. Pare che se sia magnato parecchi soldi di questi poracci. Dice che gli arrivano 400 milioni di dollari all’anno dal Venezuela di Chávez. Ma nel paese non ci sono le strade, nel paese si magna solo gallo pinto. Nel paese la gente sta colle pezze al culo di brutto. Dove cazzo li inverte i soldi questo rotto in culo? La moglie dal palco balla. È una pazza che canta e balla. La gente dice che fa le messe nere e parla coi morti. Rosario Murillo detta la Chaio. è evidentemente squilibrata. Nessuno l’ha eletta, eppure detiene grossa parte del potere in Nicaragua. Vedere questi pagliacci che hanno tradito gli ideali della rivoluzione sandinista, mi fa venire da vomitare. Manipolano un popolo che ha saputo ribellarsi, ha saputo creare una rivoluzione innovativa. E ora è ridotto a elemosinare cibo e dignità. 

La piazza si riempie di gigantone, ognuna col suo enano cabezón. 

Io mi squaglio al sole.

La sera prima sono andato al Cueto Club. È un table dance di Managua. Si pagano 10 cordobas per entrare. Tipo 30 centesimi di euro. 

Sedie di plastica bianche. Una pista di muratura con le maioliche del bagno. luci soffuse. Anzi, spente. Questo posto emana uno squallore totale. Ci lavorano 22 ballerine. Panzone. Vederle muoversi e spogliarsi annoiate e incapaci le rende più grottesche di quanto già sarebbero su dei tacchi a zeppa di venti centimetri. La birra è pure tiepida. Mi viene una tristezza senza fine. Su uno schermo c’è una partita di baseball. Sull’altro un film porno. Il baseball non l’ho mai capito. Mi è sempre sfuggito il succo di questo sport. Preferisco guardare gli yankees che le ballerine. Perché leggono nel mio sguardo la tristezza e il disappunto. Non vorrei offenderle. Ma davvero è più sexy l’iguana che ho visto scuoiare oggi al mercado Oriental.

Il mercado Oriental è grande 90 manzanas. 90 isolati. Ci passano una media di centomila persone al giorno. È un delirio brulicante. Lì ti ci vendono le iguane vive. che ti scuoiano lì per lì. Pare che siano molto buone. Gli arabi in questo mercato hanno fatto i soldi. Gli arabi in Nicaragua sono rispettati.

Managua si merita di meglio di quello che ha. Questa gente si merita di meglio di un buffone con una visione della sinistra obsoleta che ruba soldi e racconta cazzate per ore a una piazza che si scioglie sotto il sole. Sul palco c’è Rigoberta Menchú. Lei nella vita fa il premio nobel per la pace. La rispettavo prima di vederla su quella tribuna. Ora no.

Col Nicaragua non ho finito. Per ora lascio la piazza e vado a vedere il lago, cercando di non farmi spanzare da ragazzini di 14 anni che ti rapinano con un coltello a qualsiasi ora del giorno e della notte, per comprarsi la colla che si pippano. Bel destino per il sogno sandinista. Grazie FSLN. Grazie davvero.

diario dalla Repubblica Sandinista del Nicaragua

 

ombra di Sandino
ombra di Sandino

C’è da dire che qui in Nicaragua sono stati un po’ presi per il culo. Domenica ci butteremo tutti in Plaza de la Revolución a festeggiare i 30 anni del triunfo sandinista. Cazzo che emozione! Dopo 30 anni i sandinisti al potere in Nicaragua. Tutto deve essere da paura. I sandinisti so compagni. Hanno riportato questo paese centroamericano a dei livelli di vita decenti. Finalmente!

Certo, peccato che il centro di Managua pare che l’abbiano bombardato due ore fa, invece è il terremoto del ’72 che l’ha raso al suolo. E poi non hanno fatto in tempo a ricostruirlo. Te credo, con tutte le cose strafighe che dovevano fare.

Certo, peccato che non ci sono strade e la città è piena di monnezza perché non hanno costruito infrastrutture, ma chissà quante cose sono state fatte invece.

Certo, la gente dice che si muore di fame e io vedo in giro persone povere, case povere, strade povere e sguardi smarriti. Ma sicuramente tra sandinisti e neoliberali, che sono stati al potere per 16 anni, avranno fatto infrastrutture da paura che a me non è ancora capitato di vedere.

Certo, Daniel Ortega, il presidente sandinista, fa un po’ di affari con Hugo Chávez, ma sicuramente non sarà vero quello che dice padre Fernando Cardenal, uno dei 12 intellettuali che ha inventato la rivoluzione sandinista, quel gesuita che a mille anni lavora ancora insieme ai ragazzini di strada per insegnargli a leggere e scrivere, non sarà vero quello che dice lui, che il FSLN si magna ogni anno 400 milioni e non investe proprio un cazzo nel paese lasciando il popolo nicaraguense a marcire nella miseria.

Saranno voci. Ma sono tutte le voci che sento. È un coro di gente che ha creduto nel sandinismo e mo gli hanno fatto un buono. Dice, e che vor dì? Che se la pijano nder culo.

Ma sicuro io mi sbaglio. Sicuro ci deve essere un’altra spiegazione a questa miseria. E sono io, europeo, superficiale e cazzone che non ho la capacità di vedere.

In compenso incontro persone gentili, disponibili, generose. Allora mi dico che come al solito io non ci capisco un cazzo. Tanto per cambiare.

Ci sono dei laghi e dei vulcani in Nicaragua. C’è una bellissima città coloniale che si chiama Granada. E ci sono molte banane anche qui. Io continuo a andare in giro a intervistare i reduci della rivoluzione sandinista per farmi spiegare perché non capisco un cazzo. 

Fa caldo e mi mangiano le zanzare. E in città c’è ovunque l’ombra di Sandino. Non in senso metaforico. In senso stretto. Tipo gli enormi tori neri che campeggiano in Spagna. Ecco. Qui sono enormi “ombre di Sandino”. Dove ci vediamo? Rispetto all’ombra di Sandino due cuadras verso il lago. 

Forte.

diario dalla Repubblica Sandinista del Nicaragua

Sandino
Sandino

Il viaggio in autobus è lungo sulla Panamericana. Entrando in Nicaragua fa caldo. Piove. E c’è un grosso cartello che dice “Cumplirle al pueblo es cumplirle a Dios”. Meno male va. Allora va tutto per il meglio.

Infatti mi pare ancora più povero dell’Honduras sto paese. Strade sfonnate, vacche pascolando sulla strada migliore del paese (l’unica), la Panamericana. Due DUE corsie in tutto. Cioè una e una. E basta. E vacche. Cavalli. Regazzini che giocano a pallone in mezzo alla panamericana. Insisto su questo punto perché vorrei che si capisse che è come se sul brennero pascolassero le vacche altoatesine e i trentini ci giocassero a pallone o a hockey sopra.

Dice che il Nicaragua è il secondo paese più povero dell’America latina. E solo perché Haiti è imbattibile.

Ok. A Managua mi aspetta Amalia. Una collega periodista nicaraguense con cui abbiamo condiviso esperienze comicogrottesche nella barzelletta di Tegucigalpa.

Managua di notte. Una città senza centro. Non capisco bene com’è. Devo vedere.

Ma mi pare che pure qua di problemi non ne mancano.

Per strada vedo un pupazzo gigante che cammina. È inquietante. A fianco una specie di nano con una testa enorme. Tamburi. Ecco qua. So finito in un altro posto surreale. Si avvicinano. Che faccio?

Ah, quella è la gigantona e il suo enano cabezón!! dice Amalia.

Certo… la gigantona y el enano cabezón… come ho fatto a non riconoscerli? Sono proprio il più stronzo…

Sono un retaggio indigeno. Vanno in giro per le strade suonando il tamburo, parlando in versi e prendendo in giro tutti. C’è sempre la gigantona, che sembra una dama spagnola, un pupazzo alto due metri con dentro un ragazzino che regge l’impalcatura di legno (facendosi un mazzo non da poco), poi c’è quello che suona il tamburo e fa le rime. E poi el enano cabezón. Possono anche essere due i nani.

A me sta cosa dell’enano cabezón mi fa ammazzare da ridere. Non so perché.

Sto regazzino de 6 anni con un capoccione enorme di cartapesta unito al nome ha un effetto comico davvero notevole.

Insomma sono le pasquinate. I buffoni. Contro il potere. So compagni. Forti.

Con Amalia ci prendiamo la prima birra di sera dopo quasi due settimane di toque de queda, coprifuoco. Nella plaza della rotonda, dove svetta un albero di natale fatto di lucette alto 20 metri.

E questo che cazzo è? Un albero di natale acceso il 12 luglio? A Managua?

Eh, la first lady ha pensato che poteva rimanere qui da Natale. In cima ha un grosso numero 30 luminoso. E siccome quest’anno si festeggiano 30 anni della rivoluzione sandinista…

Certo allora lasci per sei mesi un albero di natale in mezzo alla strada. Mi sembra proprio appropriato. Considerato poi che è pieno di alberi di natale qui tra un banano e una pianta di caffè.

Altra cosa che c’è sempre qui nella rotonda sono i mariachi.

Allora circondato da lucine e mariachi assaporo la birra fresca e mi sento di nuovo a casa.

Domani comincerò a capire dove cazzo sono adesso. Ma già mi sento sollevato per non stare più in mezzo al popolo codardo dell’Honduras.

È qualcosa.